Medesano «Febbraio per Romano»: omaggio al maestro Gandolfi

clicca sull’originale

ARPISTA Carla They suonerà domenica nella messa per Romano Gandolfi.

MEDESANO Nel nome del maestro Romano Gandolfi Medesano diventa teatro di eventi di arte, musica e cul­tura a cura dell’associazione «Favorita del re» che nel 2010 ha dato vita al progetto Centro Studi Romano Gandolfi e adesso organizza «Febbraio per Romano». Quattro appuntamenti a in­gresso gratuito caratterizza­no il programma stilato per rendere omaggio alla memo­ria del direttore d’orchestra che da Medesano è partito per calcare i palcoscenici più im­portanti del mondo. Dal 2011 la rassegna «Febbraio per Ro­mano» regala occasioni di in­contro e cultura e qualche preziosa «chicca» del reper­torio del Maestro. Si comincia domenica con due momenti molto significa­tivi: alle 11 si terrà la messa commemorativa officiata da don Gianni Torri nella chiesa parrocchiale Maria Immaco­lata, accompagnata da Carla They all’arpa e dal Coro San Nicolò di Miano. Alle 16 al teatro Baratta è pre­vista la proiezione di un do­cumento inedito: il «Transi­tus Animae» di Lorenzo Perosi diretto da Romano Gan­dolfi a Rimini l’8 ottobre 1999 con il soprano Barbara De Maio, il Coro Lirico Città di Rimini e l’Orchestra Sinfoni­ca dell’Emilia Romagna «Ar­turo Toscanini». Nell’obiettivo caro all’associa­zione di promuovere la cul­tura a tutto tondo lunedì 18 verrà proiettato il film «Cristiada», sempre al teatro Ba­ratta di Medesano: due spet­tacoli, alle 17.30 e alle 20.30, per favorire la partecipazione dei ragazzi delle scuole. Tra le molte attività organiz­zate «Favorita del re» ha sem­pre privilegiato il rapporto . con i giovani che è spesso sfo­ciato in vere e proprie colla­borazioni ed esperienze for­mative in particolare con gli alunni dalla quarta elemen­tare alla terza media. Nel film, impreziosito da un cast stellare in cui spiccano Andy Garcia, Peter O’Toole e il regista Dean Wright, già di­rettore effetti speciali de II si­gnore degli anelli, Titanic e Cronache di Narnia, viene af­frontato con profondità il te­ma del «sacro» attraverso il racconto delle persecuzioni religiose durante la Guerra Cristera che ha insanguinato il Messico tra il 1926 e il 1929. La rassegna si concluderà do­menica 24 febbraio alle 15.30 con il seminario «Gandolfi e la musica dimenticata di Perosi. Un nuovo nome per Medesa­no nel 2020». Al Centro Civico di via Europa interverranno il musicologo Piero Mioli, il di­rettore d’orchestra Sebastia­no Rolli, la direttrice artistica Alessandra Toscani e il gior­nalista Silvio Marvisi impe­gnati a indagare il rapporto fra musica, musicisti e sacralità. Il convegno costituirà l’occa­sione per presentare l’idea di intitolare il paese di Medesa­no al Maestro Gandolfi come già hanno fatto diverse altre realtà che hanno dato i natali a personaggi divenuti famosi nel corso della storia. Per la prima volta i parteci­panti saranno chiamati a dire la loro in merito alla possi­bilità di dar vita nel 2020 al nuovo Medesano Gandolfi.

GAZZETTA DI PARMA  giovedì 14 febbraio 2019  MARIAGRAZIA MANGHI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.