Engelbrecht e la They come «accompagnatori» nell’età borbonica

clicca sull’originale

Engelbrecht e la They come «accompagnatori» nell’età borbonica. Domani il duo MGJNCIl Ha preso il via nel migliore dei modi la rassegna «Incontri mu­sicali Famesiani», manifestazio­ne giunta quest’anno alla XIV edi­zione, realizzata in collaborazione con la Fondazione Monte di Par­ma e la Casa Musicale Varese. Domenica scorsa, nel Salone delle Feste del Palazzo di Riserva, sede del Museo Glauco Lombardi, un folto pubblico ha viaggiato tra cronache, aneddoti e curiosità di visitatori stranieri in età borboni­ca tratte dal bel volume «Viaggio a Parma. Visitatori stranieri in età Farnesiana e Borbonica», realiz­zato a cura di Giorgio Cusatelli e Fausto Razzetti, narrati con la con­sueta maestria da Adriano Engel­brecht accompagnato dall’arpista Carla They.

Francesca Sandrini, direttore del Museo Lombardi, ha fatto gli onori di casa e a seguire Paolo Manfrin, direttore artistico della rassegna, ha raccontato breve­mente i 14 anni di storia della ras­segna per poi introdurre i due in­terpreti del concerto, che hanno condotto i numerosi spettatori in un vero e proprio viaggio tra le im­pressioni di visitatori stranieri di passaggio a Parma tra la metà e l’ultimo scorcio del XVTII secolo, all’inizio dell’epopea borbonica nel nostro Ducato. Le parole di Gia­como Casanova, della principessa Maria Carolina d’Asburgo, Fran­cisco Goya, Marchese de Sade, ma­dame Pompadour, Heinrich Fùssli e altri illustri personaggi dell’epo­ca, si sono unite in un ideale con­nubio alle note di Mozart, Galuppi, Rolla e Clementi, ricreando quel dima colto ed elegante degno della «petite-capitale» dei secoli passa­ti, con numerose e quanto mai mo­derne riflessioni sullo stile di vita dei nostri avi. Lunghi e prolungati applausi hanno salutato l’esibizio­ne dei due artisti, noti a Parma e non solo per la loro interessante carriera artistica. Al concerto ha fatto seguito un ricco buffet alle­stito dalla trattoria «Il Cortile». Domani, sempre alle 11, secondo appuntamento della rassegna: protagonista il duo MGJNC, Gui­do Ponzini viola da gamba e Myriam Farina arpa, per il concer­to «Un gioco sonoro», crossover musicale con antichi strumenti, in un viaggio sonoro da Haendel a Sakamoto (del quale hanno aperto il recente concerto al Paganini). Per assistere al concerto è sufficiente munirsi del regolare biglietto d’in­gresso al Museo al costo di 5 euro; è consigliata la prenotazione telefo­nica al numero 0521233727. 

GAZZETTA DI PARMA  sabato 13 ottobre 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.