Articoli‎ > ‎

Note d’arpa e voci narranti sotto gli archi della cripta

pubblicato 17 dic 2013, 10:11 da Stefano Zanetti
La delegazione provinciale dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, in occasione del Natale, offre alla città un concerto per arpa e vo­ci narranti, organizzato in col­laborazione con Franco Ferra­ri, Carla They e l’associazione organistica "Giuseppe Serassi” di Guastalla. 
"Puer natus est nobis" è il ti­tolo del concerto che si svolge oggi pomeriggio con inizio alle ore 16, nel silenzio raccolto della cripta della Cattedrale di Santa Maria Assunta. Il Duo­mo dei reggiani. 
La nascita di Gesù nella grot­ta di Betlemme, infatti, sarà fonte d’ispirazione del raffina­to programma di musiche ori­ginali, trascrizioni e improvvi­sazioni su temi musicali natali­zi dell’arpista Carla They che si alternerà con le voci narranti di Monica Incerti Pregreffi, Ve­ronica Strazzullo e Franco Fer­rari, impegnati nella lettura di brani di letteratura antica, mo­derna e contemporanea. 
Tra questi, il testo “classico” dell’evangelo di Luca, la descri­zione della visione della nasci­ta secondo la Beata Caterina Emmerick, i testi della lettera­tura italiana di Torquato Tasso e Giambattista Marino, un te­ma poetico di Arthur Rimabaud e di Giovanni Pascoli e una prosa delicatissima di Gui­do Gozzano, fino a raggiunge­re le sommità poetiche di Pa­dre Maria Turoldo e una origi­nale e suggestiva poesia del no­stro Vescovo, monsignor Mas­simo Camisasca. 
Il Padre Nostro recitato nel­la suggestiva lingua aramaica, la lingua di Gesù, e tradotto “in eco”, chiuderà la sequenza del ricco programma letterario ac­compagnato dalle musiche cri­stalline dell’arpa classica di Carla They. 
Al brano di tradizione lutera­na, tra rinascimento e baroc­co, di Michael Praetorius, se­guiranno due arie dal “ Serse” e dal “Messia" di Haendel, splendore del barocco anglosassone. La tradizione italiana si esprimerà nella canzone di Sant’Alfonso Maria de Liguori a cui seguirà il più recente bra­no musicale di Cesare Vignocchi, mentre a fianco di alcune arie di anonimi autori, che co­stituiscono il cuore del reper­torio natalizio cattolico, l’arpi­sta si esibirà in variazioni per­sonali e improvvisate sugli an­tichi temi musicale. 
Il percorso artistico mistico e suggestivo, ideato dal dottor Giuliano Bagnoli, confratello dell’Ordine, donerà momenti intensi di spiritualità e medita­zione ispirati sapientemente dall’armonia e dalla dolcezza della musica e della poesia. 
Il concerto di oggi nella crip­ta del Duomo, che rientra nell’ambito della rassegna “Musica intorno al Fiume”, è aperto al pubblico ed è ad in­gresso gratuito.

GAZZETTA DI REGGIO  15 DICEMBRE 2013
Ċ
Stefano Zanetti,
17 dic 2013, 10:11
Comments