Articoli‎ > ‎

La solidarietà suona l’arpa

pubblicato 16 mag 2012, 06:52 da Stefano Zanetti
Successo per Carla They e gli americani Paul Hurst e Meko nella serata organizzata da «I viaggi del Ducato» per «Noi per loro» e «Parma per la vita»

"Non è insolito che musica e so­lidarietà vadano a braccetto ver­so mete comuni: è il caso dello spettacolo che si è
svolto sabato sera all’Auditorium Paganini, «Gli Stati Uniti incontrano Par­ma», serata presentata da Fran­cesca Strozzi di Tv Parma e ri­scaldata dal suono delle arpe della parmigiana Carla They e dei due musicisti americani Paul Hurst e Meko. Prima del concerto, Milena Salvador e Fausto Savazzi, tito­lari dell’agenzia «I Viaggi del Ducato» che ha organizzato l’evento, sono stati invitati sul palco con i rappresentanti delle due associazioni a cui era desti­nato il ricavato della serata. L’associazione «Noi per lo­ro», che si occupa di bambini oncoemopatici, era rappresen­tata dal presidente Nella Capret­ti che ha ringraziato dicendo: «Dal 1984 siamo a fianco del re­parto oncoematologico dell’ospedale, cercando di ren­dere più lievi le giornate dei bambini, di facilitare l’acquisto di strumenti di diagnosi e di cura e di dare un sostegno alle fami­glie». 
L’associazione «Parma per la vita», rappresentata da Paolo Giglioli, è invece nata nel 1996 con lo scopo di costruire un ospedale in Camerun, dotandolo progressivamente delle struttu­re e dei reparti necessari. 
La musica ha allietato i gusti di tutto il folto pubblico, grazie ai diversi stili degli artisti. Carla They ha suonato con raffinata eleganza brani classici che attra­versavano atmosfere diverse, dalle sonorità celtiche di «Scar- borough Fair» ai ritmi ispanici di Gerardo Gombau Guerra mentre Paul Hurst, con la spa­valda sicurezza dell’«animale da palcoscenico» ha interpretato il suo brano preferito «Over the Rainbow», da lui arrangiato, per proseguire con Scott Joplin, Leo­nard Bernstein e Bedrich Sme- tana; e concludendo, con una mossa a sorpresa, con l’esecuzio­ne al pianoforte (il suo «primo amore» ) di una suite dalla « Rap­sodia in Blu» di George Ger- shwin. Infine musica per i più gio­vani con l’arpista Meko, perso­naggio dal look «studiato», ac­compagnato da una violinista e una ballerina di flamenco. La se­rata, svoltasi con il patrocinio del Comune di Parma e la col­laborazione di Tv Parma, si è conclusa con la consegna del ri­cavato ai rappresentanti delle due associazioni e con l’esecu­zione del Canone di Pachelbel suonato dai tre artisti riuniti, ac­colti con calore dal pubblico.

GAZZETTA DI PARMA  lunedì 18 FEBBRAIO 2008 (Lucia Brighenti)
Comments