Articoli‎ > ‎

Calda e l’arpista They: note e parole di Dante e Montale

pubblicato 6 dic 2012, 07:51 da Stefano Zanetti   [ aggiornato in data 6 dic 2012, 07:59 ]
La performance alla Galleria Biffi Arte PIACENZA - Occhiblu sono l' affa­scinante e intrigante Carla They all’arpa e l’attore Corrado Calda in un recital tra musica e poesia nel salone d’onore della Galleria Biffi Arte, dove è andato in scena l’altro giorno un connubio che cattura, prende e muove ricordi: la poesia italiana e il mare. Un omaggio ai poeti italiani da Ovi­dio a Dante e poi Pascoli, fino al moderno Montale e ai contem­poranei Gregory Corso, Alfonso Gatto e Marta Telatin. Corrado Calda, sulle note del­la musica di Carla They ci ripor­ta ad Ovidio e alla Sibilla Cumana. E poi Dante, la Divina Com­media e il canto di Ulisse, quan­do stanco di Itaca, riprende il mare con i suoi compagni. Poi è la volta di Rinaldo d’ Aquino, poeta della scuola siciliana alla corte di Federico II. Segue un salto di almeno secoli, per torna­re con Pascoli al tema dell’eroe di Itaca. Con D’Annunzio invece l'ac­cento è posto sulla musicalità e sull’ aspetto timbrico delle paro­le e delle onomatopee. Ancora, Alfonso Gatto, poeta er­metico ma anche grande canto­re dell’amore, infine Marta Telatin: gio­vane poetessa nata a Padova nel 1983, cieca dall’età di 13 anni. Il pubblico è invitato ad ascoltare il testo ad occhi chiusi.
Corrono le note di Carla They: Moon river, Summertime e altri bei brani.
Bel pomeriggio.

La Libertà di Piacenza Mauro Molinaroli


Ċ
Stefano Zanetti,
6 dic 2012, 07:51
Comments